ARTICOLI

03.12.2016 – LA PILLOLA “STICAZZI” (IL POST) 

Lei è depresso” mi dice la psichiatra, e ci rimango di sale. Io che scrivo di serial killer e sociopatici, io che ho imparato a memoria il DSM-4, che studio avidamente ogni cosa che riguarda il cervello umano, come mai non mi sono reso conto di una cosa tanto banale? Che non è per lo stress se mi trasformo ciclicamente in un gorilla desideroso di scassare il mondo per poi danzare sulle macerie, in un essere feroce capace di tirare il culo a colleghi e amici per ogni minima mancanza. Che gli attacchi di panico che mi tengono sveglio di notte con la certezza che ogni respiro sarà l’ultimo (perché quando hai un attacco sei sicuro di stare morendo, non ne hai solo timore) non dipendono dal fatto che me la meno troppo (…)” Leggi l’articolo qui

 


12.12.2016 – IL LIBRAIO.IT

“Quel romanzo che lessi in una notte febbrile mi parlò di qualcosa che avevo nella pancia, ma al quale non sapevo ancora dare un nome o una forma. La creatività come una dea capricciosa capace di elargire sofferenza e sollievo, l’urgenza di scrivere e l’incapacità di farlo, l’insoddisfazione, la dipendenza dai propri mondi immaginari… insomma, entrai nella mente di uno scrittore e trovai qualcosa che faceva risuonare le mie stesse corde.” Leggi l’articolo qui